CHI SIAMO  |  CONTATTI

I funerali

Li abbiamo visti venire gi¨ dallo scalone dello Juvarra nell'atrio di Palazzo Madama. E come non mai abbiamo avuto la certezza dell'immensitÓ della catastrofe. Venivano giÓ racchiusi nelle bare e portati dai compagni, dagli amici, dai colleghi.
Scendevano ad uno, ad uno lentamente, tra i cordoni d'onore ufficiali dei carabinieri in alta uniforme, e dietro a ciascuno venivano i parenti in lacrime, coi primi fiori. Un corteo che pareva non finire pi¨.
Quando sono comparse le salme, un lungo brivido ha pervaso gli astanti. Giovani e vecchi singhiozzavano, molti sono caduti in ginocchio, mentre le bare si susseguivano e venivano caricate sugli autocarri verniciati di nuovo. Poi i fiori le hanno ricoperte, le innumerevoli corone sono state caricate sulle vetture a seguito, il corteo si Ŕ formato facendo il giro della piazza.
Tutti avevano voluto essere presenti all'ultimo saluto.

Ecco come apparve piazza San Carlo durante l'effettuazione dei funerali.

I funerali avvennero il 6 maggio 1949
500.000 i presenti

La lapide sulla collina di Superga


foto inviata da Paolo Ponte

foto inviata da Paolo Ponte

foto inviata da Paolo Ponte

foto inviata da Paolo Ponte

foto inviata da Paolo Ponte

foto inviata da Paolo Ponte